Act your body

Il corpo è un insieme di possibilità.

Vorrei che vi fermaste ad osservare bene il corpo che avete davanti… il vostro strumento.

Non ha nulla di speciale.

È solo un corpo.

Ma allora, cos’è che c’è di diverso? Cos’è cambiato dopo oggi? 

La risposta è…noi.

Siamo noi ad essere cambiati, ora. Abbiamo preso tutto ciò che pensavamo di sapere sulle nostre azioni, sul nostro corpo… e lo abbiamo messo da parte. Abbiamo osservato ogni movimento, ogni istante, ogni singola azione… abbiamo osservato questo nostro corpo, come se non lo avessimo mai visto, usato, ascoltato, studiato prima d’ora.

Ed è da questo corpo che abbiamo cominciato…

#ilPreTesto laboratorio di Teatro con Valentino Infuso –> http://bit.ly/1NvwvSI

Il PreTesto 

È intenso quello che può succedere in una sala prove di un teatro, quando sono i nostri copri ad essere chiamati a l’azione, molto più delle nostri menti.

C’è qualcosa di più essenziale, profondo e forte nel agire del nostro corpo. 

Ho imparato che di tutto quello che mettiamo in campo certi di esprimere noi stessi: molto non è necessario, qualcosa è superfluo, tanto è inutile…

Se accettiamo la sfida di smettere di nasconderci nella forma del racconto che vogliamo dare di noi, potremmo sorprenderci nello scoprire quale potere e potenziale espressivo (ed esplosivo)  abbiamo a disposizione spogliandoci del idea che abbiamo nella nostra mente e imparando a lasciar emergere ciò che siamo realmente nel nostro copro.

L’essenziale è imparare a restare in stretto contatto con il proprio corpo… e nei momenti di sconforto, affidarsi ai propri compagni d’avvenuta.
IL PRETESTO laboratorio di teatro in 4 capitoli –> http://bit.ly/1NvwvSI

 

Unexpectedly

Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.

Pensiamo sempre di conoscere il futuro, aspettandoci e immaginandoci che andrà in un modo o in un altro…a volte anche solo per un secondo, pensiamo di poterlo anticipare, e fare la mossa giusta.

Ma il futuro cambia sempre.

A volte il futuro cambia in fretta e inaspettatamente… e tutto ciò che possiamo fare è scegliere cosa fare dopo che le cose non sono andate come avremmo voluto noi: possiamo scegliere di avere paura, possiamo scegliere di restare immobili, possiamo scegliere di restare lì ad immaginare che possa capitare il peggio o possiamo scegliere di mettere in atto i nostri schemi di atteggiamento consolidati, provati e riprovati, facili, sicuri e rassicuranti.
Oppure… possiamo fare un passo avanti verso l’ignoto e lasciare che sia inaspettato.

Perché ci fa stare così bene buttare via tutto il superfluo?
Forse perché quando vediamo quanto poco ci serve per sopravvivere, per vivere davvero, ci rendiamo conto del potere che abbiamo, in realtà, nello spogliarci di tutto e restare solo con ciò che siamo realmente.

E’ una decisione audace, lasciare tutte le proprie aspettative, i propri schemi, le proporie certezze, le sicurezze…e trattenere solo ciò di cui non possiamo fare a meno, ciò che ci serve per  davvero… e non solo per sopravvivere, ma per stare bene, per essere veri.

Il problema delle decisioni audaci è che ti spaventano. Possono finire in lacrime o in delusioni colossali… ma è per questa ragione che possono essere così emozionanti.

Shy 

Perchè preferiamo essere riservati?

Perchè quando hai un pubblico, anche i momenti più piccoli, anche gli sbagli più insignificati… finiscono per sembrare immensi. 

Il trucco per sopravvivere ad un laboratorio di teatro? Non lasciare che la pressione ci trattenga dal correre rischi più grandi. Devi semplicemente uscire dalla tua natura, dalla tua routine… e mostrarti nudo e spaventato.

E poi… fare finta che nessuno ti stia guardando.

The Me Nobody Knows (IL PreTesto CAP II)

Fa paura rivelare tutto di noi stessi.

Forse è sbagliato, forse doveremmo essere meno fifoni…
Però è anche vero che questa “paura” ci aiuta a essere riservati, a proteggerci.

Ci sono un mucchio di cose che gli altri non sanno di noi…
Ci sono aspetti di noi che gli altri magari non conosceranno mai…
Non è sicuro tirare fuori tutti i nostri segreti, non possiamo svelare tutta la verità ed esporci così al giudizio degli altri.

La vergogna è il nostro problema più grosso.

Cerchiamo di nasconderci per proteggerci dai giudizi degli altri, ma il nostro corpo non mente mai.
La verità è sempre qui, sotto gli occhi di tutti: nei nostri movimenti, nei nostri gesti, nel nostro corpo… che non deve dire neanche una parola per svelarsi.

Credo che sia la vergogna a dettare il comportamento umano.
La persona che crediamo di essere è ciò che raccontiamo agli altri per cercare di convincerli…
Ma non possiamo nasconderci per sempre. E il nostro corpo, non mente mai.

La vergogna può paralizzarci, la nostra idea di noi stessi può immobilizzarci, le nostre aspettative su chi saremo, su dove andremo, sulla differenza che faremo… sono ciò che ci lasciano fermi.
Potremmo morire dentro se le diamo questa possibilità.

Non lasciate che succeda.
Non defilatevi.
Non nascondetevi.
Non vergognatevi.
C’è del talento in noi… non deludiamolo.
Non fermiamoci al ordinario. Puntiamo ad essere straordinari.

IL PRETESTO (capitolo 1)

Noi siamo ciò che siamo stati…
Il cervello umano funziona sulla base di schema e script.
Il nostro cervello elabora ogni nostra nuova esperienza sulla base di un confronto tra un modello stereotipico che iniziamo a crearci già a partire dai tre anni…

Noi siamo ciò che siamo stati…
Fin dall’adolescenza elaboriamo un tono narrativo che resterà stabile per tutta la nostra vita.

Fare teatro dovrebbe portarci ad essere come bambini di due anni, senza alcun narratore interno, senza schema a cui far riferimento, senza script a cui attendere

Noi siamo ciò che siamo stati…
Man mano che diventiamo adulti percepiamo sempre più la realtà in relazione con le nostre precedenti esperienze. Tendiamo a confermare le attese… perché cambiarle richiederebbe uno sforzo neurologico maggiore.

Fare teatro richiede accettare il disagio che provoca non avere schema e scrip a cui aggrapparsi per identificare e comprendere la realtà.

Fare teatro credo sia un gioco nel quale la possibilità di uscire dagli schemi (o dagli schema) sia l’occasione per cambiare prospettiva… e anche se non funziona sempre nello stesso modo, a volte un cambiamento di prospettiva ti fa vedere chiaramente quello che fino ad ora ti sei perso.

Noi siamo ciò che siamo stati…
ciò nonostante, tutti siamo siamo sia impulsivi che compulsivi
il cervello funziona anche così.

 

Forse c’è un premio per coloro che decidono di uscire dalla propria zona sicura di attese, anche quando il solo pensiero ci fa venire la nausea. Anche quando siamo lì e non vorremmo fare nient’altro che scappare verso un posto migliore.
Non è forse per questo che la gente ripete sempre che ciò che non uccide, fortifica?

Bè lasciate che vi dica una cosa: chi lo dice non ha mai fatto un corso di teatro!

 

Noi siamo ciò che siamo stati…
…ma questo non vuol dire che non potremmo anche essere qualcosa di diverso.
Tutti siamo un rischio, ma tutti abbiamo qualcosa.

DNA

A chi me lo chiede, a chi me l’ha chiesto…non ho mai risposto raccontando la verità.

Esulo di solito, invento raramente…più che altro improvviso. Ma la verità c’è, ed è sempre stata scritta nel mio DNA

La mia passione per il teatro l’ho ereditata da mia nonna, e da lei ho imparato tutto.

Lei mi ha insegnato che a teatro ci si va sempre, per qualsiasi spettacolo vale la pena prepararsi e andare.

Lei mi ha insegnato che a teatro si va coi tacchi e la gonna e se proprio non si può andare dal parrucchiere i capelli devono essere comunque impeccabili, perché è un luogo che va celebrato e merita composta osservazione.

Lei mi ha insegnato che all’opera si va preparati, possibilmente sapendo a memoria le parole delle arie del libretto, non tanto perché le si abbia lette e memorizzare, ma perché le innumerevoli volete che si sono ammirate sui palchi dei teatri, te le hanno impresse per la vita nelle labbra e nelle orecchie.

Lei mi ha insegnato che le mani si battono solo alla fine dello spettacolo, perché prima disturbano…gli altri tuoi consorti spettatori, e gli artisti che si stanno esibendo.

Lei mi ha insegnato che non si va a chiedere l’autografo, quasi gli attori fossero esseri irreali che non esistono dopo la loro performance…
Ma poi mi ha sempre lasciato andare nei camerini dei miei ballerini preferiti per farmi firmare il libretto di sala.

Lei mi ha insegnato che si fanno sacrifici per andare a vedere gli spettacoli che ci piacciono…come prende la bicicletta da Creazzo e pedalare fino a Verona per sedersi a terra ai bordi dell’Arena.

Lei mi ha insegnato che l’uomo con cui si deciderà di vivere la propria vita amerà l’opera proprio come te e anche se non è perfetto, la domenica pomeriggio ti porterà in cento a Caracas a sentire il più incredibile tenore mai ascoltato, intonate la Tosca con lacrime e sangue cantando “E lucevan le stelle”.

Lei mi ha insegnato che poco prima di morire, anche se impossibilitati a muoversi da casa per l’età e la malattia, la nostra memoria ci riconduce là dove il nostro corpo è sempre stato…e la tua ti riportava là nei teatri che hai ammirato e nelle arie delle opere che hai ascoltato.

Lei mi ha insegnato che essere spettatori è un arte raffinata e profonda, basata sul rispetto per il luogo sacro nel quale si sta entrando.

Non mi ha mai vista salire sul palco, mai vista recitare una parte, mai ascolta provare un monologo o cantare una canzone.
Ma mi ha inseganto la cosa più importante per continuare a vivere il teatro con l’unica arma a mia disposizione: il rispetto per la sacralità dell’arte che si va cercando.

Ma c’è una cosa che non sono riuscita a imparare da lei… la naturale compostezza con cui accettava che tutto ciò che accadeva dentro un teatro avesse motivo di essere, senza un movente altro da ricercare. 

Lei aveva in se l’essenza prima e fondatrice del teatro: quella pacata immersione nell’istantanietà, nella fugacità, nell’irripetibilità del evento unico che si andava vivendo…
Atti, momenti e respiri che non si sarebbero mai più potuti ripetere.

A TE nonna devo la mia passione e il mio tormento, per questo ultimo insegnamento che non sono stata capace di apprendere ed ereditate. 
A TE, che senza parole, ma agendo, mi hai insegnato e tramando questo dono, che sempre porterò nel cuore e ricercherò nelle pieghe di un teatro.