TEATRO-CUCINA®

Inconsapevoli della raffinatezza di un gesto tanto primitivo quanto quotidiano, riscopriamo che degustare è un atto vivo di piacere… Saper raccontare questo omesso piacere, è un atto artistico… Ma l’unica vera opera d’arte, in definitiva, è la pasta di cui siamo fatti.

Se oggi la mia ricerca mi avrà condotto da qualche parte, forse non sarà troppo lontano dal sapere di aver vissuto uno dei più bei pasti della mia vita.
Relegando però pietanze ed odori, sapori e porcellane al rango di non meno nobili rari accessori, ciò che in vero io ho divorato, guastato e assaporato, sono state le parole.

Le parole: scrigni che raccolgono, custodiscono, proteggono e poi raccontano un mondo isolato e un po’ dimenticato,  trasformando la realtà in un istante memorabile… ogni esistenza è unica e indimenticabile grazie al rapporto fra parola ed evento, nella misura in cui la prima riveste il secondo fissandolo eternamente nella biblioteca dei ricordi.
Così le parole hanno conferito al pasto consumato un’allegria, una malinconia, una memoria e un’eccitazione che quasi mio malgrado erano divenute esse stesse la sostanza prima del mio nutrimento.
Ciò che riscopro avermi alimentato non era il commestibile, ma le parole ad esso accompagnate.

E allora, forse, il punto non è tanto mangiare, né vivere.
Il punto è sapere perché.

TEATRO-CUCINA®
http://www.teatroinpolvere.it
https://www.facebook.com/teatrocucinateatroinpolvere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...