Till the end…

Per la mente umana non è concepibile l’idea dell’infinito. 
Ogni volta che pensiamo all’universo, all’abisso, allo sconfinato, ci assale un senso di vertigine.
Il “senza fine” non fa parte del nostro essere. 
Tutto quello che vediamo, tutto quello che sentiamo, tutto quello che tocchiamo, gustiamo e percepiamo ha senso solo rinchiuso nei suoi limiti che lo identificano, lo descrivono, lo raffigurano, lo nominano e ci permettono di conoscerlo.
Ciò che non è finito, ci sfugge.
Tutto, probabilmente, dipende dal fatto che noi stessi siamo finiti e, in quanto tali, vediamo tutto a termine.

Eppure è insito, anche, nella natura umana il desiderio di spingerci sempre un po’ più in là. 
Il confine, il limite, il traguardo… la fine, possono anche rivelarsi il punto di partenza per qualcosa d’altro. Qualcosa di sconosciuto, qualcosa di misterioso, qualcosa di nuovo… qualcosa che ci spaventa, ma allo stesso tempo ci attrae.

E’ la vertigine dell’infinito!

La vertigine per la quale, sebbene sappiamo che tutto nasce per poi morire, ci ritroviamo, ingenui, a credere che il per sempre sarà la nostra fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...